Cosa fare due giorni a Chiang Rai

Chiang Rai è un’adorabile piccola cittadina a nord di Chiang Mai nella Thailandia del nord, che vale la pena visitare se si è di passaggio da queste parti. Si raggiunge facilmente sia con un volo domestico o ancora meglio via bus da Chiang Mai. L’unica compagnia di bus che opera questa tratta è la ‘Green Bus’, con autobus ogni mezz’ora. Il tragitto dura circa quattro ore tra le montagne thailandesi ed è decisamente spettacolare.

Chiang Rai è piccola e la città di per sé non offre granché, ma i suoi dintorni sono spettacolari, tra templi e montagne. Ecco cosa fare, una volta affittato il vostro motorino (opzione che consiglio sempre) o aver fermato un tuktuk.

Wat Rong Khun
O anche detto White Temple e non starò certo qui a spiegarvi il perché. Si trova a una decina di chilometri fuori dalla città e, non esagero, secondo me è uno dei templi più belli e affascinanti al mondo. Mai visto nulla di simile. Tutto completamente bianco e costellato di specchi che riflettono la luce in una maniera quasi accecante.
Il tempio è una struttura recente, datata 1997, che rimpiazza il vecchio Wat Rong Khun andato in rovina. Non essendoci i fondi necessari per un restauro, l’artista Chalermchai Kositpipat decise così di costruire un tempio ex novo con i propri soldi.

Il tempio ha un non so che di inquietante, teschi, braccia in cerca di aiuto che salgono dal pavimento e teste di demoni sono onnipresenti nel perimetro e all’entrata del tempio.

L’interno del tempio principale presenta i soliti Buddha dorati e dei dipinti meravigliosi, che però stupiscono: insieme alle iconografie solite della tradizione thailandese troviamo anche demoni, fiamme, distruzione e immagini di personaggi a noi conosciuti, come Michael Jackson, Neo di Matrix, Terminator, Hello Kitty, Harry Potter, Superman oppure immagini che disturbano come attacchi nucleari, attacchi terroristici, gigantesche strutture che pompano olio distruggendo la terra come allegoria della malvagità dell’uomo. Insomma, tutte cose che non ti aspetti di vedere visitando un tempio thailandese.


Khonkon Waterfall
Proseguendo venti chilometri dopo il tempio ci si può avventurare sù per la montagna alla ricerca delle cascate Khonkon. Non molti turisti passano di qui e secondo me ci perdono. La montagna del nord della Thailandia è decisamente da non perdere e queste cascate sono spettacolari. Sono alte più di settanta metri e si raggiungono dopo una bella camminata di un chilometro e mezzo in mezzo alla foresta. Non c’è un vero sentiero battuto, il tragitto da fare a piedi è impervio e talvolta pericoloso, ma arrivati alle cascate rimarrete a bocca aperta. Sono maestose e imponenti (sarete completamente bagnati dagli schizzi, vi avverto) e per vederle al massimo della loro potenza andate durante la stagione delle piogge o subito dopo.

Non dimenticate di fermarvi in qualche villaggio lungo la strada e assaggiare del sano (?) street food venduto dalle vecchine!

Baan Dam
Arrivati alla Baan Dam, anche detta Black House, il mood è completamente diverso. Non più superfici bianche abbaglianti e specchi riflettenti, ma qui è tutto nero, cupo e tetro. Anche questa meraviglia è opera di un artista locale, tale Thawan Duchanee. L’idea di base è mixare l’architettura nord thailandese con quella moderna, creando uno stile del tutto nuovo. Il complesso è composto da circa quaranta costruzioni e varie installazioni artistiche. A me è piaciuto tantissimo, forse per questo strambo ambiente a metà tra i sacro e il profano, Buddha e teschi di animali coesistono nello stesso spazio. È sicuramente qualcosa di unico nel suo genere.



Night Bazaar
E che ve lo volete far scappare il night bazaar a Chiang Rai? Eh no. Anche perché è quasi l’unica cosa da fare la sera qui. Il posto è carino, un pretesto per fare quattro passi dopo mangiato tra le bancarelle di souvenir nord thailandesi e quelle di cibo, sembra di stare in una fiera di paese, perché allestiscono anche un palco con musica dal vivo. Come dicevo Chiang Rai è una cittadina tranquilla, perfetta per rilassarsi un po’ dopo aver visitato magari posti più caotici come Bangkok o Chiang Mai.

Massaggio
In ogni post sulla Thailandia io ve lo ricordo: un massaggio qui va fatto, non solo per il prezzo ridicolo, ma soprattutto perché vi rimetterà al mondo dopo una giornata all’avventura. Ci sono due posti molto puliti e niente male proprio di fronte all’ingresso principale del Night Bazaar e aperti fino a tardi.

Se passate al nord della Thailandia dedicate due giorni a Chiang Rai, non ve ne pentirete!

0 thoughts on “Cosa fare due giorni a Chiang Rai”

  1. Ciao Sara.. ti seguo grazie a Snapchat e ringrazio il cielo perchè venire a conoscenza e poi poter leggere il tuo blog è un piacere articolo dopo articolo! Mi hai fatto venire una gran voglia di visitare questi posti..e la cosa bella è che se leggo una cosa scritta da te, mi fido ciecamente. So che il viaggio è per te necessario come l’aria e che grazie alla tua esperienza sai assoliutamente quello che dici. Per cui Grazie 😉

    1. Ma io non ho davvero parole per ringraziarti ♥️ è il messaggio più bello che io abbia mai ricevuto! Avere la fiducia di chi legge è la cosa più importante per me, è il motivo per cui scrivo! Grazie mille, vale molto ♥️

  2. Mi rimetto in pari coi tuoi post! Anche io sono stata a Chiang Rai, ma non ho visto le cascate, mannaggia! Sembrano davvero molto belle! 😉 Come sempre i tuoi post mi fanno venire voglia di fare la valigia e partire…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *